Giocodanza®  1° CICLO:  Approccio alla Danza  (3-5 anni)

OFFERTA FORMATIVA:  giocodanza ● laboratori musicali (periodici – solo per il livello 1)

a cura di Marinella Santini - ideatrice del metodo Giocodanza®: la Nuova Propedeutica
 

Contenuti

Danza, Immaginazione, Fantasia, Creatività sono gli elementi fondamentali della lezione.

   L’apprendimento segue un percorso ludico nel quale, in un clima di distensione e di svago, la presenza di regole non imposte aiuta lo sviluppo dell’autocontrollo, mentre corpo voce musica spazio diventano le modalità per relazionarsi con se stessi e con gli altri, in una lezione dove il gioco diviene elemento fondamentale.

   I bambini di oggi hanno un rapporto con il gioco più interattivo che attivo: i giochi tecnologici sono realtà confezionate, che li immergono in un mondo virtuale nel quale poco spazio è riservato all’immaginazione e alla creatività. La riscoperta del valore del gioco come invenzione e come azione creativa li può aiutare a costruire attivamente la propria personalità ed è preziosa per un sano percorso di crescita.

   La metodologia del Giocodanza® consente un approccio alla Danza libero da codici fissi ed è pensata per bambini di età compresa tra i tre  e i sette anni. E’ un processo formativo attraverso il gioco - considerato nel suo aspetto educativo - tramite il quale l’allievo è condotto alla scoperta delle sue potenzialità artistiche e creative.

  Gli allievi ricevono gli strumenti necessari per stimolare l’immaginazione e la fantasia - elementi indispensabili al dispiegarsi della creatività - regolando e disciplinando le loro capacità con libertà di espressione.
Così, riscoprendosi, il bambino migliora l’autostima e, più consapevole, diviene in grado di gestire questa sua libertà.

   Concetti importanti e difficili, che stanno alla base dell'educazione psico-motoria infantile, sono introdotti nella lezione sotto forma di gioco, usando anche semplici oggetti che, trasformandosi in attrezzi-giocattolo, forniscono ulteriori input creativi.

   Con questa metodica si crea un modo nuovo e divertente di fare attività motoria; il divertimento e il gioco, infatti, sono le componenti fondamentali delle lezioni: si assiste, così, al passaggio dalla passività alla attività, sia nel campo motorio che in quello intellettivo.

   Gli anni della Propedeutica prevedono l’elaborazione di elementi importanti e basilari, che tuttavia non sono semplici. Questi elementi di base vengono introdotti nella lezione sotto forma di gioco, precisando che con questo termine non si fa riferimento  al gioco ricreativo, ma educativo, che può essere anche ri-creativo solo se, e in quanto,  ricrea lo stato originario proprio dell’infanzia. E’ gioco educativo perché vi sono regole da rispettare e contenuti precisi, che altro non sono che le componenti e gli elementi di base della Danza, come la percezione corporea, la qualità del movimento, lo spazio, il tempo e così via.

   Il gioco non è semplicemente un elemento ludico da introdurre qua e là nell’arco della lezione: la lezione stessa è un gioco… e il Gioco ne diventa l’elemento portante!

  Tramite il gioco della fantasia, saranno forniti ai piccoli allievi gli strumenti necessari sia al loro percorso formativo, sia a regolare e a disciplinare le loro capacità con libertà di espressione. In tal modo il bambino, crescendo più sicuro e più consapevole, sarà in grado di gestire questa sua libertà.

  Viene data particolare importanza alla percezione dello spazio e alla consapevolezza del proprio corpo.

  Si inizia a definire il concetto di disciplina, facendo conoscere ed accettare quelle regole che la Danza comporta, accettazione che deve avvenire, peraltro, in maniera non impositiva ma facendo sì che i bambini stessi, attraverso un percorso naturale, capiscano che, affinchè il gioco riesca, vanno applicate e rispettate determinate regole.

 Si affronta la tematica della postura del corpo attraverso giochi dinamici e divertenti, finalizzati a questo obiettivo.

 Tutto il lavoro viene proposto, dunque, attraverso l’attività ludica e non come conoscenza di una tecnica, poiché a questa età i bambini sono ancora troppo piccoli e pertanto il gioco diviene il mezzo più idoneo per esplorare  e  conoscere  tutto ciò  che in seguito diventerà  il  bagaglio per  una conoscenza tecnica più approfondita.

«Con il Giocodanza i bambini vivono un'immersione completa, libera e liberatoria, nel gioco che educa e plasma il loro corpo-mente e fornisce loro gli equilibri e gli indirizzi per affrontare la vita»  (Alberto Testa)

Obiettivi

• permettere l’ascolto di sé e sviluppare l’ascolto degli altrI

• suscitare e coltivare il piacere del movimento sviluppando la disponibilità verso il lavoro da affrontare e verso gli altri, favorendo anche il lavoro di gruppo e  imparando ad osservare  il lavoro degli altri

• favorire la concentrazione e l’attenzione, sviluppando l’autonomia del bambino

• motivare il bambino, sollecitando la sua immaginazione e sviluppando la fantasia e la creatività

• sviluppare la percezione corporea, scoprendo progressivamente le diverse parti del corpo e le loro possibilità di movimeNTO

• lavorare sulla corretta postura e sull’allineamento corpore

• sviluppare la coordinazione e le percezioni sensorialI

• utilizzare i primi elementi dell’Acrobatica non solo per ampliare il proprio bagaglio di conoscenze ma per rafforzare coraggio e di conseguenza autostimA

• educare all’ascolto musicale e al senso del ritmo

• prendere confidenza con la propria voce utilizzandola anche all’interno delle lezioni

• percepire  e scoprire lo spazio

Competenze acquisite dal bambino

  Ogni bambino è unico e particolare ed perciò nel rispetto della sua individualità che l’insegnante lo conduce alla scoperta della Danza: un percorso dove l’allievo è attore protagonista e il maestro mediatore e accompagnatore di questo viaggio particolare.

  Sviluppando il programma del Giocodanza®, il bambino sarà capace di utilizzare la sua immaginazione, avrà una maggiore capacità di concentrazione e avrà sviluppato la sua capacità di ascolto anche nei confronti degli altri. Sarà più disponibile alle scoperte e inoltre sarà in grado di muoversi nello spazio in direzioni diverse a tempo di musica e, cosa non trascurabile, diverrà disponibile ad accettare osservazioni da parte degli altri.

                      

Giocodanza®  2° CICLO : Tecnica Propedeutica (6-7anni)

OFFERTA FORMATIVA:  tecnica propedeutica ● acrobatica ● giocoteatro®

hip hop baby ● laboratori musicali (periodici)

 

Contenuti

Si affrontano in maniera più approfondita le tematiche incontrate nel  1° ciclo, studiandone più a  fondo  i contenuti.

Il bambino,  già condotto alla conoscenza e alla consapevolezza di sé, sempre tramite il gioco della  fantasia e dell’immaginazione, viene adesso portato a scoprire in modo più consapevole le sue  potenzialità artistiche e creative, divenendone sempre più cosciente.

Nel 2° ciclo si inizia inoltre ad affrontare più sistematicamente lo studio della tecnica Propedeutica e la tematica della postura del corpo  attraverso giochi dinamici e divertenti, finalizzati a questo obiettivo.


Obiettivi

• sviluppare l’abilità corporale nel movimento danzato

• sviluppare la concentrazione e l’attenzione, raggiungendo in maniera più consapevole la propria autonomia

• coltivare l’immaginazione e la fantasia sviluppando la creatività

• conoscere il concetto di equilibrio e disequilibrio

lavorare sulla corretta postura e sull’allineamento corporeo, arricchendo la conoscenza delle possibilità motorie

• sviluppare la coordinazione con esercizi più complessi

• strutturare lo spazio inteso in senso geometrico

• utilizzare il movimento anche nelle varie direzioni spaziali

• sperimentare il gioco teatrale e musicale come attività espressiva di esplorazione e di scoperta, utilizzandolo come mezzo per sviluppare le abilità sociali, fisiche e verbali, migliorando l’autostima e la capacità di comunicare

• utilizzare gli elementi dell’Acrobatica non solo per ampliare il proprio bagaglio di conoscenze ma per rafforzare coraggio e di conseguenza autostima, raggiungendo destrezza e abilità di movimento anche nello spazio aereo

• stimolare all’osservazione, all’analisi e alla verbalizzazione

• favorire il lavoro di gruppo sviluppando la capacità di osservare e analizzare il lavoro degli altri

Competenze acquisite dal bambino

  Il bambino, divenuto più consapevole e sicuro delle proprie capacità, sarà in grado di accettare le regole e la disciplina che la danza comporta; parteciperà in modo attivo alla lezione e sarà maggiormente disponibile al confronto con gli altri, comprendendo che la critica, se intelligente, è sempre costruttiva.

  Diverrà cosciente del suo sé corporeo e sarà capace di muoversi con maggiore consapevolezza, utilizzando lo spazio e la musica in maniera più appropriata. Sarà in grado di distinguere frasi musicali diverse; sentirà la musica non come semplice accompagnamento alla Danza, ma come elemento integrante e facente parte della danza stessa.

  Avrà migliorato la qualità del movimento che, da spontaneo, diverrà movimento cosciente e consapevole.

  Sperimentando inoltre il gioco teatrale come attività espressiva di esplorazione e di scoperta, il bambino avrà sviluppato le sue abilità sociali, migliorando la propria capacità di comunicare.

  Attraverso la sperimentazione dell’Acrobatica avrà acquisito destrezza e maggiore abilità di movimento migliorando la coordinazione e rafforzando la propria autostima.

  Con lo studio della danza Hip Hop imparerà a sincronizzare suono e movimento come mezzo di espressione e comunicazione migliorando la capacità di improvvisare con il corpo.